Come lo stato del lavoro sta cambiando in meglio

Un obiettivo importante del team di Design Research è far arrivare la voce dei clienti ai nostri team interni che stanno progettando e costruendo un modo di lavorare più illuminato. Flexible Futures è il motore della nostra ricerca e apre una conversazione sull'evoluzione del mondo del lavoro. Riveliamo nuovi approcci flessibili alla collaborazione, alla creatività, all'innovazione, alla produttività e alla felicità sul lavoro. E questo è solo l'inizio.

Paesaggio urbano con i raggi del sole che illuminano le cime degli edifici

Non ci sono dubbi sul fatto che questa decade sia iniziata in modo turbolento. In tutto il mondo, le infrastrutture progettate per proteggere la nostra salute, la società e l'economia hanno bisogno di un cambiamento radicale. Man mano che le implicazioni di questi cambiamenti diventano più chiare, il modo in cui lavoriamo viene messo al centro nel dibattito in tutto il mondo.

Che ci si trovi a Berlino, a Tokyo o nei canyon di Mill Valley, in California, i luoghi di lavoro più resilienti sono quelli dotati di maggiore flessibilità. Questi cambiamenti, infatti, consentiranno alle persone di lavorare ovunque si trovino. Offriranno una maggiore varietà di orari di lavoro, promuoveranno nuovi modi in cui i lavoratori si riuniscono tra loro, collaborano e imparano gli uni dagli altri, influenzeranno l'urbanistica e consentiranno di adottare nuovi approcci a un determinato percorso professionale. Questo è ciò che si definisce "futuro flessibile".

Ambienti flessibili

Un tempo, con "ambienti di lavoro flessibili" ci si riferiva a degli uffici open-space con spazi comuni e sale di ristoro. Ma ora, man mano che i team che adottano il lavoro distribuito, sempre più spesso le mansioni lavorative vengono svolte nei luoghi più disparati, da un ufficio condiviso al tavolo della cucina e tutto ciò che sta nel mezzo.

Il lavoro distribuito non è una novità. La società tecnologica Basecamp lavora esclusivamente in remoto da oltre 20 anni e ha anche scritto un libro a riguardo. Allo stesso modo, la società di sviluppo software GitHub vanta oltre un decennio di esperienza in termini di lavoro distribuito e condivide la sua profonda conoscenza con i nuovi dipendenti in remoto tramite articoli del blog. Il lavoro distribuito, che un tempo era visto come un'opzione relativamente di nicchia, è diventato di massa fin dall'inizio della pandemia di COVID-19. "Le aziende hanno appreso che serviva loro una strategia di lavoro distribuito per affrontare l'emergenza", spiega Kate Lister, presidente di Workplace Analytics, l'agenzia di consulenze con sede a San Diego.

Uomo seduto davanti a un laptop in un bar di fronte a una grande finestra di vetro
Poiché molte persone hanno manifestato un alto livello di soddisfazione nel lavoro da casa, anche durante il periodo difficile della pandemia, e aziende come Twitter e Hitachi hanno annunciato nuove opzioni di lavoro in remoto per un futuro indeterminato, gli agenti immobiliari di spazi lavorativi iniziano a innervosirsi. Sembra, però, che l'ufficio non verrà abbandonato tanto facilmente, anche in un mondo post-pandemia. "La discussione è abbastanza binaria e sembra, quindi, che o il lavoro del futuro sarà completamente distribuito oppure torneremo tutti in ufficio nello stesso momento. Io penso che il mondo andrà verso un sistema ibrido", dice Annie Auerbach, cofondatrice dell'agenzia di statistica culturale di Londra Starling e autrice del libro Flex: Reinventing Work for a Smarter, Happier Life.
“"La discussione è abbastanza binaria e sembra, quindi, che o il lavoro del futuro sarà completamente distribuito oppure torneremo tutti in ufficio nello stesso momento. Io penso che il mondo andrà verso un sistema ibrido", dice Annie Auerbach, cofondatrice dell'agenzia di statistica culturale di Londra Starling e autrice del libro Flex: Reinventing Work for a Smarter, Happier Life.”

Annie Auerbach

Autrice di Flex: Reinventing Work for a Smarter, Happier Life

Annie Auerbach
I professionisti del mondo dell'informazione si aspettano che i datori di lavoro sperimenteranno maggiormente con gli ambienti di lavoro negli anni a venire. Ad esempio, un'azienda potrà fornire opzioni di lavoro da casa per le attività mirate, affiancate a spazi di lavoro che favoriscano la collaborazione dal vivo. "Penseremo ai momenti in cui siamo insieme in modo piuttosto intenzionale", aggiunge Auerbach. E anziché definire un nuovo standard aziendale, la scelta individuale potrebbe diventare la nuova normalità. "Il mio ideale di flessibilità perfetta sarà diverso dal tuo".
Woman working on a small model at workstation
Last Lemon’s Lisa Swerling working at her home studio in California
Un modellino tenuto in mano e pitturato
Alcuni lavoratori autonomi, come i partner creativi Lisa Swerling e Ralph Lazar di Last Lemon, hanno da tempo cambiato il loro ambiente di lavoro. Originari del Sudafrica e ora stabiliti nella contea di Marin in California, i coniugi creano contenuti illustrati e opere d'arte da due decenni.
Photo of framed illustrations of a red safari truck and a blue abstract face
Talvolta lavorano nel loro studio domestico, mentre altre volte lavorano in giro per il mondo, in luoghi come il Botswana o le Seychelles, per diversi mesi. All'inizio, racconta Swerling, collegarsi a internet da luoghi remoti del pianeta sembrava fantascienza. "Pensavamo: 'Oh mio Dio, siamo su un'isola nel mezzo dell'Oceano Indiano, come facciamo? Com'è possibile?'" In seguito, sono rimasti sorpresi dalla facilità con cui sono riusciti a mantenere i rapporti con i partner Europei dopo essersi trasferiti negli Stati Uniti. "È stato quasi sconcertante scoprire come la distanza non facesse alcuna differenza".
Persona che tiene in mano un telefono e un bicchiere di succo d'arancia davanti a una scodella di more

Orari flessibili

Forse la cosa più interessante dell'avere maggiori opzioni per l'ambiente di lavoro è quanto questo ci influenzi quando lavoriamo. Al posto delle tradizionali 8 ore d'ufficio, il lavoro distribuito consente di programmare una giornata lavorativa più flessibile.

Per molti team, un approccio più flessibile agli orari di lavoro non si implementa dal giorno alla notte. Il pioniere del lavoro distribuito e imprenditore tecnologico Matt Mullenweg spiega nel suo blog che, quando le aziende passano al lavoro in remoto, per i primi tempi tendono a riprodurre le dinamiche dell'ufficio, aspettandosi che i dipendenti rimangano seduti alla scrivania per l'intera giornata lavorativa. Spiega che le organizzazioni più evolute che lavorano completamente in remoto adottano un lavoro asincrono che viene svolto in base alle preferenze delle persone.

Man mano che i datori di lavoro ammorbidiscono i rigidi schemi delle ore di lavoro, avviene una profonda trasformazione: le culture basate sul presenteismo diventano culture basate sui risultati. "Non lavoriamo al meglio facendo maratone, ma correndo a scatti", afferma Kate Lister. "Sappiamo che le persone producono risultati migliori quando vengono dati loro degli obiettivi e degli strumenti con cui realizzarli e quando viene concessa loro l'autonomia per svolgere il proprio lavoro. Lo sappiamo dagli anni '50, eppure non è questo il modo in cui operiamo. Se le persone portano a termine il lavoro, se vengono misurate in base ai risultati e riescono in ciò che fanno, che importanza ha il momento in cui lavorano?" Lister aggiunge che in un modello basato sui risultati i manager devono abituarsi all'idea di non monitorare ogni mossa dei dipendenti: un cambiamento significativo per molti ambienti.

Alcuni manager, come il VP del reparto Design di Dropbox, Alastair Simpson, hanno già adottato un approccio ad alta fiducia che promuove l'autonomia. "Se assumi delle persone molto intelligenti e dici loro esattamente come lavorare in un ambiente che lascia poco margine alla libertà, non otterrai un gran risultato. Ma se invece dai loro i giusti obiettivi e gli strumenti adeguati, penso che potranno svolgere un ottimo lavoro", dice.

Alastair Simpson, VP del reparto Design di Dropbox
Alastair Simpson, VP del reparto Design di Dropbox

Avere maggiore controllo sull'orario di lavoro rende le persone più produttive, non meno. "La grande paura che se consenti ai lavoratori di gestire il proprio tempo in autonomia la produttività diminuisca è stato dimostrato essere assolutamente infondata", dice Annie Auerbach.

La sfida per coloro che lavorano in remoto consiste quindi nell'adottare orari più flessibili che vadano a loro vantaggio: creare dei confini, lavorare nel momento della giornata in cui si è più efficienti e non cadere nella trappola del lavoro a ciclo continuo. Come spiega Auerbach, "l'ultima cosa da fare è barattare il presenteismo sul luogo di lavoro con il presenteismo digitale per passare da una giornata di 8 ore a un lavoro non-stop, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Perché in questo modo staremmo solo portando delle cattive abitudini in un nuovo ambiente di lavoro, fingendo che si tratti di flessibilità.

Nicolas Leschke, CEO and founder of ECF Farmsteads

Nicolas Leschke, CEO di ECF Farmsystems, una startup con sede a Berlino, afferma di aver imparato a creare dei confini personali con l'aiuto di alcuni trucchi, come spegnere il telefono di notte e non rendere la sua casella di posta di lavoro troppo accessibile dalla schermata iniziale del telefono. "È molto difficile toglierselo dalla testa", commenta. "Ma al momento penso di stare facendo un buon lavoro in questo senso. E credo di averlo dovuto imparare con il tempo".

Gli ambienti di lavoro hanno tutto l'interesse nell'evitare che i dipendenti vadano in burnout. "Il benessere psicofisico delle persone è assolutamente fondamentale per garantire delle buone prestazioni", spiega Kate Lister. "Prima non si sentiva parlare spesso di concetti come 'flessibilità', 'equilibrio tra vita personale e lavoro' e 'salute mentale', ma ora le cose sono decisamente cambiate".

Come spiega Annie Auerbach, gli orari flessibili rappresentano un vantaggio per diverse categorie di lavoratori: non solo per genitori, ma anche per coloro che si prendono cura di parenti anziani, per quelli che desiderano coltivare i propri interessi e per quelli che semplicemente hanno bisogno di più tempo per se stessi. "È un nuovo modo di vedere le cose: anziché vedere la flessibilità come una realtà da accettare a denti stretti, si può pensare alla flessibilità come al lavoro del futuro, un modo per attrarre i migliori talenti e per far sì che i lavoratori si sentano realizzati ed equilibrati".

Strumenti flessibili

La buona notizia per le aziende è che gli strumenti per il lavoro distribuito non sono poi così diversi dagli strumenti digitali che molti già utilizzavano. Sono semplicemente essenziali per svolgere il lavoro in remoto. "Non mi riferisco soltanto alle tecnologie di comunicazione come Zoom e Google Hangouts, ma anche a quelle come Dropbox. Non saremmo in grado di lavorare in remoto senza di esse", spiega Melanie Cook, amministratore delegato della scuola digitale Hyper Island

Cook afferma di aver osservato un rinnovato ottimismo riguardo alla capacità della tecnologia di supportare il lavoro delle persone, anziché venire dipinta come una forza spaventosa che trama nell'ombra di soppiantare le nostre professioni con un'automazione di massa. Invece, "elimina lo stress dello spostamento casa-lavoro e viceversa. Ci sta restituendo più tempo da passare con le nostre famiglie".

"La pandemia di COVID-19 è stata un enorme catalizzatore per la trasformazione digitale, poiché molte aziende sono state costrette a trasferire gran parte del lavoro d'ufficio online", afferma Whit Bouck, COO presso la società di firma elettronica HelloSign (un'azienda Dropbox), una soluzione che consente alle parti di firmare documenti ufficiali anche se non si trovano nella stessa stanza. I documenti possono essere di varia natura, dalle pratiche di assunzione dei dipendenti ai contratti con i fornitori. "Le aziende hanno bisogno di un modo per continuare a stipulare importanti contratti online e noi dobbiamo rendere il processo semplice e sicuro", dice Bouck.

Credo che degli strumenti abbiano ancora molta strada da fare per quanto riguarda l'impiego della tecnologia per consolidare la cultura. Penso che non siamo ancora pronti.

Kate Lister , presidente dell'agenzia di consulenze Workplace Analytics di San Diego.

Man mano che i team adottano sempre più tipi di strumenti digitali (per la firma digitale, scrittura di appunti, gestione dei progetti, chat e svolgimento di altre attività collaborative), i lavoratori devono essere in grado di utilizzarle facilmente. Gli strumenti stanno iniziando a offrire migliori integrazioni, favorendo quindi un utilizzo complementare, anziché competere per avere l'attenzione degli utenti. Esempio significativo: nel 2019, Dropbox ha lanciato Dropbox Spaces, un'area pensata non solo per l'archiviazione, ma anche per agire come un importante centro per la collaborazione e l'integrazione con altri strumenti quali Slack, Zoom e Trello. "Ci stiamo orientando sempre più sulle piattaforme e i flussi di lavoro. Dropbox Spaces consente ai team di riunire più file da posizioni diverse in un unico luogo centralizzato, favorendo una collaborazione intelligente. Si tratta di una vera e propria evoluzione di ciò che ha reso Dropbox un successo", spiega Alastair Simpson.

 

In definitiva, gli strumenti di lavoro digitale dovranno fare di più per i team distribuiti del semplice supporto della produttività: dovranno soddisfare le esigenze emotive e creative di una comunità quando i membri che la compongono saranno lontani tra loro. "Si perde il senso di novità che deriva dal lavorare con altre persone, la creatività che emerge durante una pausa caffè o l'ispirazione che viene sbirciando lo schermo del computer di qualcun altro", afferma Fred Wordie dell'agenzia creativa Kids di Berlino, che ha creato I Miss The Office durante il lockdown per imitare i suoni di un ufficio. Si rende conto che i suoni in sé non ad essere particolarmente produttivi, quanto le persone che li producono. "Ecco perché molti trovano questo sito confortante".

illustration of different living and work environments connected by staircases

 

La creazione di alternative digitali per questi momenti casuali e informali tra i colleghi non sarà un'impresa di poco conto. "Credo che degli strumenti abbiano ancora molta strada da fare per quanto riguarda l'utilizzo di strumenti tecnologici per consolidare la cultura. Penso che non siamo ancora pronti", dice Kate Lister.

Molti team distribuiti al momento si affidano a videochiamate del team, post e conversazioni delle chat per costruire la cultura. Alla fine, emergeranno nuove funzionalità e nuovi strumenti in grado di supportare meglio gli incontri diversi e fortuiti all'interno dell'organizzazione. 

 

Relazioni flessibili

Anziché replicare esattamente la cultura dell'ufficio, il lavoro distribuito può avere maggiore successo sfruttando nuove dinamiche in un ambiente digitale.

Una struttura di lavoro distribuita promuove una connessione su larga scala. Ad esempio, l'agenzia di team-building The Go Game, che conduce eventi dal vivo e ibridi destinati ai team fin dal 2001, ora offre una piattaforma virtuale in grado di estendere un'esperienza fino a oltre 1500 persone in tutto il mondo. "Vogliamo creare un'esperienza virtuale che avvicini le persone che lavorano in remoto", dice Ian Fraser, cofondatore e CEO. "Le aziende hanno bisogno di una soluzione che colleghi le persone in modo autentico, inclusivo e dinamico".

Michael Franti
Colmare le distanze geografiche favorisce anche l'adozione di pratiche di networking, mentoring e assunzione più diversificate e inclusive. FREE THE WORK, un'iniziativa no-profit di Los Angeles, è una piattaforma che offre un database di contenuti ricercabili realizzati da creatori sottorappresentati, con l'obiettivo di renderli più visibili a produttori televisivi, cinematografici e agenzie pubblicitarie di tutto il mondo. "Crediamo che attingere a un pool di talenti che sono stati storicamente sottorappresentati porterà a una rinascita della creatività che andrà a vantaggio di tutto il mondo. La rappresentazione è importante", afferma il team di FTW. "Una narrazione autentica fa parte dell'esperienza. Abbiamo bisogno di più storie nel mondo che mostrino a tutti ciò che possiamo realizzare".
Panel of women and men sitting together at an event

Per certi versi, collegarsi in remoto riduce anche i pregiudizi sui colleghi che si incontrano tutti i giorni. Kate Lister osserva che comunicare in maniera virtuale può ridurre le gerarchie, fornendo alle persone più introverse una voce più equa. "Mette tutti sullo stesso piano e tutti hanno la possibilità di dire la propria". 

Come spiega Annie Auerbach, l'idea che si riesca a legare meglio in un ufficio non corrisponde pienamente alla verità. "C'è la paura che, lavorando lontani da casa, rimaniamo isolati e non ci sentiamo parte di qualcosa. Ciò che voglio sottolineare è che ci sentivamo così anche in ufficio quando indossavamo le cuffie senza parlare con nessuno. Non è un problema del lavoro in remoto, è un problema di connessioni remote". Creare fiducia tra i membri del team potrebbe dipendere meno da piattaforme o strumenti specifici di quanto non dipenda da pratiche che sono autenticamente umane. Delle riunioni sociali periodiche o attività in cui i membri del team possono imparare a conoscersi l'un l'altro più in profondità possono essere d'aiuto.

Kate Lister aggiunge: "Dagli studi emerge che non abbiamo bisogno di trascorrere tanto tempo insieme di persona per mantenere dei rapporti di fiducia. E in fatti, i membri della maggior parte delle aziende virtuali si incontrano forse una o due volte all'anno e spesso non fanno che socializzare. Queste riunioni poco frequenti sembrano essere tutto ciò di cui hanno bisogno per mantenere alto il livello di fiducia".

Melanie Cook dice che il suo team ha creato un'abitudine virtuale di due incontri giornalieri durante l'isolamento a causa della pandemia. La riunione del mattino è di natura tattica, mentre la riunione del pomeriggio è informale e sostituisce quello che in passato poteva essere un incontro casuale nei corridoi. "Le nostre conversazioni pomeridiane sono spesso casuali. Si tratta solo di un controllo che tutto vada bene".  

Città flessibili

Man mano che la vita lavorativa delle persone raggiunge nuovi livelli di flessibilità, anche le città potrebbero cambiare.

Una serie di nuovi fattori influenzerà i luoghi in cui le persone vivono e lavorano. Ad esempio, coloro che tradizionalmente abbandonavano le province alla ricerca di migliori opportunità economiche nelle grandi città potrebbero non doverlo più fare. Zhenru Goy di Goy Architects, un piccolo studio di architettura le cui tre partner lavorano a Singapore, in Indonesia e in Thailandia, spiega che il lavoro viene organizzato in base alla vita di ognuna e che ciascuna partner vive vicino ai rispettivi amici e familiari e coordina le attività nel cloud.

Dessy Anggadewi

Le costose città in cui le persone si riversavano in cerca di lavoro potrebbero trovare un po' di sollievo, man mano che i lavoratori si trasferiscono in zone suburbane o rurali che offrono lo spazio per un ufficio domestico e una maggiore vicinanza alla natura. E alcune comunità potrebbero anche riuscire a far rifiorire la propria economia. "Ci sono luoghi in tutto il Paese e in tutto il mondo che stanno attivamente reclutando lavoratori in remoto e offrendo loro una formazione, istruendo gli abitanti locali per essere dei buoni candidati per il lavoro in remoto e, in alcuni casi, anche offrendo loro uno stipendio per incentivarli a trasferirsi in quelle zone", spiega Kate Lister. "Desiderano disperatamente aggiungere nuovi tipi di lavori alle proprie economie".

Le città piene di lavoratori flessibili si organizzeranno in nuovi modi, reinventando il tradizionale tragitto casa-lavoro tra le zone residenziali e commerciali della città. C40 Cities, una rete globale di città che si adoperano per affrontare il cambiamento climatico, immagina un mondo in cui tutto ciò di cui abbiamo bisogno sarà accessibile entro 15 minuti di strada. Lo sviluppo di città miste, in cui la casa, il lavoro, i negozi e l'intrattenimento si trovano nella stessa area, può giovare anche al lavoro stesso, come ha riscontrato Goy durante i suoi studi di architettura. "Scopro cose nuove quando visito le zone circostanti per vedere, toccare, sentire, provare e comunicare con la comunità. Penso che essere un designer migliore significhi entrare in contatto con ciò che fa parte della realtà circostante", dice.

Illustrazione di due persone che lavorano su una scrivania circondate da piante
Annie Auerbach prevede nuovi tipi di organizzazioni lavorative, come ad esempio un quartiere in cui persone di diversi settori e fasce di età possono svolgere la propria attività in una sede stimolante e fatta di spazi condivisi. "Avere la propria autonomia non significa necessariamente essere soli", spiega. Auerbach immagina che questo ambiente sarà molto più orientato verso la diversità e la comunità rispetto agli spazi di lavoro condivisi odierni. Dopotutto, man mano che le popolazioni invecchiano in molte parti del mondo, l'idea di abbandonare il lavoro a una certa età potrebbe cambiare. "Il pensiero di doversi fermare in un determinato momento e dedicarsi al tempo libero sta diventando sempre meno comune", afferma Auerbach. E fa notare che le persone meno giovani iniziano attività completamente nuove in una fase più avanzata della vita.

Persone flessibili

Per quanto riguarda i singoli lavoratori, il futuro richiederà un approccio reattivo e proattivo al lavoro.

Le persone dovranno essere in grado di reagire all'aumento dell'automazione di massa; ciò significa che la tecnologia e l'intelligenza artificiale si approprieranno di ruoli che in genere sono sempre stati svolti da esseri umani. L'artista e designer multimediale Carrie Sijia Wang esplora le potenziali implicazioni nel suo pezzo distopico "An Interview with ALEX", che simula un colloquio di lavoro con un responsabile delle risorse umane costituito da un'intelligenza artificiale. “’An Interview with ALEX’ mira a far emergere i potenziali problemi che derivano dal lasciare che la tecnologia prenda il sopravvento senza capire appieno come funziona, per chi lavora, quali conseguenze comporta e chi ne pagherà il prezzo", spiega Wang.

Carrie Sijia Wang

Man mano che determinati lavori scompariranno, verranno sicuramente creati nuovi ruoli. Secondo un report di Dell Technologies, l'Institute for the Future prevede che l'85% dei lavori che esisteranno nel 2030 non sono ancora stati inventati. Le persone diventeranno sempre meno essenziali per le mansioni ripetitive e più essenziali per quelle competenze prettamente "umane", come il pensiero critico e la collaborazione. Melanie Cook prevede "un'emergenza globale di sviluppo delle competenze", in cui le persone avranno bisogno di una formazione per svolgere questi lavori del futuro.

Auerbach aggiunge: "Dobbiamo continuare a studiare per tutta la vita. L'istruzione non può ristagnare perché la tecnologia è in continuo cambiamento, le competenze si evolvono e noi dobbiamo continuare ad adattarci, a imparare e a reimparare con l'avanzare delle nostre vite". Alcune opportunità di formazione accelerata stanno già emergendo per rispondere a queste esigenze di adattamento della carriera, come i Google Career Certificates.

Adattarsi a queste circostanze in continua evoluzione significa che molti lavori non possono continuare ad essere svolti con il pilota automatico. Le persone potrebbero aver bisogno di un approccio più proattivo, di esplorare e di cambiare per trovare il proprio ritmo. Auerbach dice di aspettarsi "un percorso più tortuoso, in cui potrebbe essere necessario spostarsi in maniera orizzontale e diagonale in diversi campi. Magari vorranno fermarsi per viaggiare. O magari vorranno fermarsi e studiare prima di tornare sul luogo di lavoro. E così, tutte queste visioni saranno più amalgamate man mano che andremo avanti con le nostre vite".

Anche in Giappone, dove tradizionalmente le aziende hanno sempre avuto una cultura del lavoro a tempo indeterminato, le persone iniziano a pensare in modo più flessibile alla propria carriera. L'agenzia En Factory di Tokyo offre un servizio che aiuta i dipendenti delle aziende a ottenere e mantenere dei lavori secondari all'interno o all'esterno dell'azienda. "I lavori secondari stanno diventando una realtà accettata al giorno d'oggi, poiché i dipendenti possono acquisire nuove esperienza e competenze", dice Masaki Shimizu, Chief Business Officer di En Factory. Lui vede il secondo lavoro come una situazione vantaggiosa sia per le aziende che per i lavoratori. Le aziende sfruttano le nuove competenze sviluppate dai dipendenti, mentre i lavoratori ampliano le proprie prospettive di carriera. Shimizu dice che la maggior parte dei dipendenti di En Factory ha un secondo lavoro, che va dalla creazione di siti web alla fornitura di abbigliamento per cani. Lui stesso svolge quattro lavori, uno dei quali consiste nella gestione di un "hedgehog cafe". Shimizu spiega che il suo approccio al lavoro era considerato insolito quando ha iniziato il suo secondo lavoro nel 2012, tanto che la sua storia aveva anche fatto notizia. Ma ora ci sono abbastanza persone che lo fanno da consentirgli di condividere consigli e best practice con loro.

 

Masaki Shimizu

Il lavoro autonomo e l'imprenditoria continueranno ad essere più rischiosi e meno stabili del tradizionale lavoro dipendente full-time, perciò queste categorie avranno bisogno di migliori reti di sicurezza sociale. Un esempio è Alia, una piattaforma portatile di benefit per i lavoratori a domicilio, come tate, governanti e badanti. Diversi datori di lavoro o clienti possono contribuire ai benefit di Alia per i lavoratori, ad esempio giorni di malattia retribuita e l'accesso a polizze assicurative, come l'assicurazione sulla vita. "Ci sono molte persone che lavorano più di 40 ore alla settimana che non hanno alcuna forma di sostegno o tutela, poiché quelle 40 ore potrebbero essere svolte in 40 siti diversi anziché presso un solo datore di lavoro", dice Palak Shah, direttrice e fondatrice di NDWA Labs, l'organizzazione che ha creato Alia. "Alia è un'oasi nel deserto per il futuro del lavoro; sapevamo che se avessimo potuto risolvere questi problemi per i lavoratori domestici, avremmo potuto risolverli per qualsiasi lavoratore".

La coppia di artisti Lisa Swerling e Ralph Lazar incarna proprio il percorso tortuoso a cui potrebbero trovarsi davanti in molti. "Ciò che troviamo sempre interessante della nostra storia, perché magari abbiamo raggiunto un fantastico traguardo, è che la strada è lastricata di fallimenti", commenta Swerling. "Ed è buffo, ma anche stimolante, perché siamo permeati da una sorta di ottimismo innato. E non si può fare ciò che facciamo noi senza essere ottimisti, perché non si riuscirebbe ad andare avanti. ... Devi continuamente reinventare il tuo lavoro".

Woman in orange shirt and man in blue stand together surrounded by cartoons
Quattro giovani in piedi su un furgone blu guardano in cielo con un binocolo

In definitiva, le persone continueranno a cercare uno scopo e la propria realizzazione attraverso il lavoro, anche quando il percorso effettua bruschi cambi di rotta. Nicolas Leschke di ECF Farmsystems descrive questo senso di soddisfazione rispetto al suo ruolo attuale: "Ti trovi in città, ma hai un lavoro "green" ed è molto soddisfacente perché lavori in un ambiente naturale. E penso che questo ti infonda un karma positivo".

Zhenru Goy di Goy Architects spiega che il modello di lavoro flessibile che utilizza il suo studio consente a tutti di rallentare il ritmo ed evolvere gradualmente, nel modo più mirato possibile. "Siamo ancora sperimentando e cercando di capire cos'è meglio fare nel campo dell'architettura, perciò c'è una continua contemplazione di come possiamo contribuire al supporto della comunità e dell'ambiente. Possiamo prenderci del tempo per pensare, ma siamo anche agili nel nostro lavoro e i nostri progetti possono avere un impatto reale".

Woman in white shirt and glasses reading from a book in a workspace

Melanie Cook suggerisce di approcciarsi alla propria intera carriera con un "pensiero lento", in contrasto con quelle reazioni di "attacco o fuga" causate dal panico rispetto a ciò che accade nel mondo. Cook consiglia di "darsi il tempo di pianificare la propria carriera e alcuni esperimenti per trovare il percorso più adatto a ciascuno di noi".

Kate Lister spera che i luoghi di lavoro trovino modi migliori per identificarsi e sfruttare le competenze, gli interessi e i punti di forza delle persone. "Sarà in quel momento che vedremo le prestazioni migliori delle persone", dice.

In definitiva, un approccio flessibile al futuro del lavoro ci consentirà di affrontare ciò che ci attende, svolgere un buon lavoro e superare qualsiasi sfida. Il futuro flessibile ci richiederà di essere risoluti di fronte alle avversità. Come dice Melanie Cook, "la nota positiva è che gli esseri umani sono dotati di un'incredibile resilienza. Sono in grado di adattarsi a qualunque situazione".

Il nostro futuro flessibile ci consentirà anche di concentrarci in modo proattivo su ciò che è importante per noi. Modificare il contesto lavorativo ci offrirà l'opportunità di trovare modi migliori per bilanciare le nostre priorità, dalle passioni agli affetti, fino agli obiettivi professionali che riteniamo più significativi e validi. Dobbiamo garantire che ogni aspetto della persona trovi il modo di prosperare e che il risultato finale riguardi la vita personale tanto quanto riguarda il lavoro. Perché, come dice Annie Auerbach, "C'è sempre una storia molto umana dietro al motivo per cui le persone vogliono lavorare in modo flessibile".