Ti presentiamo le esperte

Ascolta i pensieri delle esperte dell'equilibrio vita-lavoro, Annie Auerbach, Melanie Cook e Kate Lister, su come un modo di lavorare più flessibile, che include non solo il quando e il dove, ma anche il come creare una cultura aziendale più improntata sulla collaborazione, può portare migliori risultati aziendali e una maggiore felicità personale.

Annie Auerbach

Annie Auerbach è l'autrice di Flex: Reinventing Work for a Smarter, Happier Life. È una relatrice, consulente e brand strategist, nonché cofondatrice dell'agenzia di analisi delle tendenze Starling, che si occupa di aiutare i brand a comprendere i cambiamenti culturali per poter rimanere al passo. Tra i clienti di Starling troviamo Pepsico, Nike, Google e Unilever. Annie è orgogliosa di essere stata nominata tra i fondatori più influenti del 2019 da Timewise, assieme a una serie di pionieri del lavoro flessibile che stanno cambiando il futuro del lavoro. Negli ultimi 20 anni ha lavorato in maniera flessibile in tante forme diverse: part-time, da remoto, come libera professionista, con un portfolio professionale variegato e rientrando al lavoro dopo aver avuto due figlie.

 

starlingstrategy.co.uk
Twitter @annieauerbach

Annie Auerbach

Affinché il lavoro flessibile funzioni, è necessario che ci siano dei confini rigidi e ben definiti. In altre parole, "flessibilità" suggerisce qualcosa di molto morbido e volubile, tuttavia affinché funzioni davvero, dobbiamo metterci nell'ottica di staccare dal lavoro. Se abbiamo concordato gli orari o i giorni in cui lavoriamo, dobbiamo essere in grado di attenerci a quelli.

Annie Auerbach
Flex Reinventing Work for a Smarter. Happier Life by Annie Auerbach

Flex: Reinventing Work for a Smarter, Happier Life

FLEX è un manuale per vivere e lavorare alle proprie condizioni scritto dalla cacciatrice di tendenze e consulente Annie Auerbach. Rifiuta le 8 ore d'ufficio, reinventa le regole e riscrivi la tua professione.

Leggi un estratto

Melanie Cook

Amministratore delegato 
Hyper Island - Asia Pacifico

Melanie Cook è una futurista che si considera una formatrice, una teorica dei sistemi e una "tech humanitas". "Humanitas?" Vi chiederete. Humanitas è una parola latina che esprime il concetto di amare ciò che ci rende umani attraverso lo studio e la speranza. Melanie partecipa a dibattiti approfonditi riguardanti l'impatto operativo dell'intelligenza artificiale (IA) sul luogo di lavoro e, com'è nel suo DNA, si concentra sull'ambiente di lavoro del domani e su ciò che dovremmo fare oggi a riguardo.

La maggior parte della sua carriera, che ha avuto inizio con la gestione dei dati a Londra, è stata plasmata dall'immaginazione e dall'innovazione delle tecnologie digitali. Dopo aver navigato abilmente nel territorio in rapida evoluzione della gestione dei dati e del digital marketing, si è stanziata nell'ambito della "transbobulazione" del business digitale (la realtà della trasformazione digitale) con la scuola di business per creativi, Hyper Island.

Melanie Cook

Qui, ha l'onore di far parte del percorso formativo di ogni studente in numerosi settori che devono affrontare una straordinaria rivoluzione, dai servizi finanziari ai beni di lusso, fino alle start up tecnologiche. Sfruttando le sue esperienze di lavoro con organizzazioni come GSK, MetLife, Moët Hennessy, Standard Chartered e Unilever, Melanie mette a disposizione le sue competenze per aiutare ogni studente a prosperare nel proprio ambiente e anche oltre.

Fondatrice di OpenLeadershipProject, che utilizza l'intelligenza artificiale per far sentire la voce dei lavoratori, in modo che i leader possano migliorare se stessi per i propri follower, è anche una relatrice molto ambita che è stata invitata sui palchi di DMEXCO, SXSW, SXSWEdu e TEDx.

hyperisland.com
Twitter @constant_garden

Dobbiamo adottare un "pensiero lento", dandoci il tempo di pianificare la nostra carriera e degli esperimenti. La nota positiva è che gli esseri umani sono dotati di un'incredibile resilienza. Sono in grado di adattarsi a qualunque situazione".

Melanie Cook

Kate Lister

Kate Lister è presidente di Global Workplace Analytics (GWA), una società di ricerca e consulenza che aiuta i datori di lavoro a comprendere e a prepararsi per il futuro del lavoro. Le sue competenze hanno principalmente come oggetto il lavoro, i lavoratori, la tecnologia e altre tendenze che stanno cambiando i lavoratori, il lavoro stesso e quando, dove e come viene svolto. Da oltre dieci anni, Lister aiuta dipendenti pubblici e privati a implementare strategie di lavoro in remoto e flessibile.



Kate è una relatrice e scrittrice molto apprezzata. Ha scritto o è stata coautrice di cinque libri di business, numerosi whitepaper e decine di articoli per importanti media. Le ricerche svolte dalla sua agenzia sono state citate in centinaia di pubblicazioni, tra cui Harvard Business Review, New York Times, Wall Street Journal, Washington Post e molti altri. È un membro del comitato consultivo strategico e del team di leadership di Workplace Evolutionaries (WE), un gruppo di livello globale di pensatori e operatori dell'ambiente di lavoro che si impegnano a "cambiare il mondo, un ambiente di lavoro alla volta". 


Continua a leggere 
globalworkplaceanalytics.com/whitepapers

Twitter @FutureWorkforce

Kate Lister

"Sappiamo che le persone producono risultati migliori quando vengono dati loro degli obiettivi e degli strumenti con cui realizzarli e quando viene concessa loro l'autonomia per svolgere il proprio lavoro. Lo sappiamo dagli anni '50, eppure non è questo il modo in cui operiamo. Se le persone portano a termine il lavoro, se vengono misurate in base ai risultati e riescono in ciò che fanno, che importanza ha il momento in cui lavorano?"

Kate Lister