Che cos'è la VPN?

Se il tuo ufficio condivide spesso importanti documenti online, puoi avere la certezza che la VPN sia l'opzione migliore per la collaborazione? E vista la quantità di informazioni personali reperibili online, quanto è al sicuro tuo team?

Una persona si collega a una VPN dal laptop

Cosa significa VPN?

Il termine "VPN" è ormai entrato nel linguaggio comune, soprattutto per i membri dei team che lavorano in remoto, ma conosci il suo significato effettivo? VPN è l'acronimo di Virtual Private Network, ossia rete virtuale privata. Come suggerisce il nome, una VPN crea uno spazio virtuale in cui è possibile operare quando si è online. Ma quali sono i possibili vantaggi?

Che cosa fa una VPN?

Sulla carta, le VPN offrono numerosi vantaggi per gli utenti che utilizzano internet da casa e in ambienti di lavoro a traffico intenso, come ad esempio:

Consente l'accesso remoto

Una VPN consente di creare una rete remota privata con dispositivi selezionati: una soluzione ideale per i lavoratori in remoto. In questo modo il team può rimanere connesso in modo sicuro anche a chilometri di distanza, o addirittura in continenti diversi.

Offre maggiore sicurezza

Se ci si collega a una rete Wi-Fi tramite hospot, ad esempio sul treno o in un locale pubblico, una VPN è in grado di mantenere i dati al sicuro. Le reti Wi-Fi pubbliche possono essere un'ottima risorsa, tuttavia non offrono la stessa sicurezza della connessione di casa o dell'ufficio di lavoro. Creando un tunnel VPN (immaginalo come un involucro protettivo che avvolge i tuoi dati), i dati sono completamente protetti da un sistema di crittografia AES (Advanced Encryption Standard) anche se la connessione Wi-Fi risulta compromessa. Fino a che i dati non raggiungono la destinazione prevista non possono essere decifrati, perciò potrai navigare, inviare e-mail o effettuare pagamenti con carta di credito in modo sicuro, anche su una rete Wi-Fi pubblica. Questo processo prende il nome di PPTP, dall'inglese Point-to-Point Tunneling Protocol.

Aggira i blocchi relativi alla posizione

Poiché la VPN nasconde la tua posizione e ti consente di selezionare un server in una determinata area geografica, puoi visualizzare contenuti provenienti da qualsiasi parte del mondo. Ad esempio, se ti trovassi in Cina e volessi accedere ai tuoi account social, noteresti che molti di questi siti sono bloccati. Tuttavia, configurando una VPN che fornisce un indirizzo IP basato in Italia, la tua connessione a internet apparirebbe come se ti trovassi effettivamente nel Paese selezionato.

Elude le limitazioni

Sebbene questo non valga per tutte le VPN o per tutti i fornitori di servizi internet (ISP, dall'inglese Internet Service Provider), alcuni servizi VPN consentono di aggirare le limitazioni sul traffico di rete. Ad esempio, se il tuo fornitore di servizi internet inizia a limitare i dati una volta che hai raggiunto una certa soglia, la VPN può aiutarti a mascherare la tua attività, aumentando la quantità di dati a tua disposizione. Detto ciò, l'uso di una VPN può generalmente rallentare la connessione a banda larga, in quanto viene eseguito un ulteriore passaggio per reindirizzare la connessione tramite un server VPN. Tuttavia, questo problema si verifica maggiormente con la connessione domestica rispetto a quella aziendale.

Come funziona una VPN?

Sostanzialmente, una VPN maschera la tua identità, posizione e attività online. Quando ti colleghi a internet, il tuo fornitore di servizi (ISP) utilizza i suoi server per consentirti di andare online. Poiché la VPN effettua questa connessione tramite un server privato, i dati che generalmente vengono trasmessi dal tuo computer provengono invece dalla VPN.

I fornitori di servizi VPN utilizzano la crittografia e la suite Internet Protocol Security (IPSec) per "impacchettare" i tuoi dati, in modo da proteggerli mentre raggiungono la loro destinazione. Questo processo prende il nome di L2TP, dall'inglese "Layer Two Tunneling Protocol". Quando navighi in rete, il tuo indirizzo IP (Internet Protocol) visualizzato non è quello assegnato dal tuo fornitore di servizi internet, ma un indirizzo IP proveniente dal server VPN.

Che cos'è un indirizzo IP?

Un indirizzo IP (Internet Protocol) consiste in una serie di cifre utilizzata per identificare il tuo dispositivo quando ti colleghi a internet. Un indirizzo IP serve come mezzo di identificazione e per localizzare la tua posizione. In alcuni casi, questo può essere un vantaggio, ad esempio se sei una piccola azienda e hai bisogno che il tuo sito web e la tua posizione siano accuratamente registrati per i clienti della zona. Se il tuo team sceglie una connessione tramite VPN, ma vuoi comunque mantenere il tuo indirizzo IP, ci sono VPN specifiche per questo scopo.

Il motivo principale per cui le VPN mirano a nascondere l'indirizzo IP è che può rivelare la tua posizione. Se un hacker riesce ad accedere al tuo indirizzo IP, ad esempio, può vedere le tue attività recenti online e potenzialmente hackerare i tuoi account. Tuttavia, non si tratta solo di hacker. Ti sei mai domandato come mai gli annunci che visualizzi sui tuoi canali social sembrano sapere esattamente cosa stai cercando? Questo avviene perché il tuo fornitore di servizi internet vende le informazioni sulla tua attività online. Una VPN evita che si verifichi tutto questo nascondendo il tuo indirizzo IP.

Perché le persone scelgono la VPN

Uno dei motivi più convincenti per utilizzare una VPN in un ambiente di lavoro è la possibilità di collegare in modo sicuro un team che lavora in remoto. Potendo contare su maggiore sicurezza e accessibilità, il team può lavorare in modo più efficiente.

  • Maggiore sicurezza online: una VPN garantisce che tuoi dati siano al sicuro, anche durante la condivisione di file.
  • Sicurezza dei clienti: è possibile che i clienti vogliano assicurarsi che tu abbia disponga di una VPN o di un servizio altrettanto sicuro prima di inviare qualsiasi documento.
  • Rete remota: una VPN consente di estendere la rete interna oltre l'ufficio.

Utilizzare una VPN

Quando valuti la possibilità di implementare un servizio VPN per il tuo PC di lavoro o per l'intero team, considera i seguenti punti:

  • Posizione della VPN: la VPN funzionerà nella località scelta in base alla posizione del provider? Ad esempio, se desideri accedere a un sito bloccato per la tua posizione in Italia, avrai bisogno di un server basato nel Paese preferito dal sito. Verifica che il servizio VPN al quale ti vuoi affidare abbia dei server nel Paese che ti interessa. Tieni presente che la VPN segue le regole del Paese in cui opera, non di quello del cliente (maggiori informazioni di seguito).
  • Tipo di VPN: le VPN possono essere dei semplici componenti aggiuntivi o dei sistemi più estesi, come un'intera rete VPN aziendale. Se il tuo ufficio sta cercando un modo per migliorare gli strumenti di collaborazione, dovrai valutare le varie opzioni aziendali.
  • Costi: più è complessa la VPN, più sono alti i costi. Quando si tratta di servizi VPN aziendali, devi cercare una soluzione IT personalizzata che probabilmente costituirà un notevole investimento.
  • Sistemi operativi: dovrai scegliere un servizio VPN compatibile con il tuo sistema operativo. Ad esempio, per i computer Linux potrebbe essere necessario un client VPN diverso rispetto a quello per Microsoft Windows.
  • Dispositivo: se prevedi di utilizzare una VPN su dispositivi mobili come telefono o tablet, potrebbe essere necessaria una VPN diversa da quella selezionata per il laptop.

Le VPN sono sicure?

Con tutta questa attenzione riservata a privacy e sicurezza, viene spontaneo pensare alla VPN come a un giubbotto antiproiettile virtuale che ti protegge dagli hacker della rete. Purtroppo, ciò non è del tutto vero. Al massimo della sua protezione, una VPN può fornirti un modo sicuro per navigare online senza preoccuparti delle minacce alla sicurezza. Tuttavia, le VPN stesse non sono immuni agli attacchi hacker. Inoltre, utilizzare una VPN per impedire al provider di servizi internet di tracciare i tuoi dati non è un metodo infallibile. Numerosi casi hanno dimostrato che alcune VPN registrano la tua attività anche se dichiarano di non mantenere alcun registro.

L'entità di questa operazione dipende dalla posizione del provider del servizio VPN, in quanto deve conformarsi a normative diverse. In Europa, ad esempio, il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) impedisce che ciò avvenga. In ogni caso, consigliamo di non vedere la VPN come una panacea per la sicurezza online.

Quali sono gli svantaggi di una VPN?

La VPN offre numerosi vantaggi, sebbene molti di questi siano accessibili tramite metodi alternativi. Per il lavoro in remoto, ad esempio, è possibile utilizzare altri software o servizi che richiedano meno tempo di configurazione, manutenzione o costi.

Prima di procedere, considera gli svantaggi di una rete VPN:

  • Può essere costosa, soprattutto per una configurazione aziendale
  • Richiede manutenzione in contesti aziendali
  • Una rete remota deve essere inizialmente configurata da uno specialista IT, mentre per Dropbox basta una semplice registrazione
  • Non è sempre sicura come può sembrare
  • Può rallentare notevolmente la velocità della connessione a internet
  • In alcuni Paesi, le VPN si trovano in un'area grigia tra legalità e illegalità o sono addirittura illegali

Alcuni brand hanno trovato il modo di bloccare gli utenti che utilizzano servizi VPN e ciò potrebbe mettere in cattiva luce un account aziendale.

Per concludere, devi pensare bene a ciò che vuoi ottenere con un una rete VPN. Puoi collaborare in modo altrettanto efficiente con uno strumento come Dropbox? Puoi navigare liberamente sul web utilizzando un server proxy online? Puoi garantire livelli elevati di sicurezza con programmi anti-malware e firewall aggiornati? Se hai risposto "sì" ad almeno una domanda, una VPN potrebbe essere una soluzione inutilmente complessa.

Quali sono le alternative alla VPN?

Se il motivo principale per cui utilizzi una VPN è fare in modo che il tuo team possa rimanere connesso da remoto, esistono alternative migliori. Le VPN hanno sicuramente i loro vantaggi in diversi ambiti, ma per quanto riguarda il lavoro in remoto, il tempo e i costi necessari per rendere operativa una VPN aziendale possono essere scoraggianti. Anche gli utenti più esperti di tecnologia possono trovare irritanti i numerosi passaggi del processo di connessione a un file server tramite VPN. Dropbox garantisce la sicurezza dei file e consente di accedere da remoto effettuando un semplice login, dimostrandosi un'alternativa alla VPN semplice ed efficace per queste esigenze.

La mia azienda dovrebbe affidarsi a una VPN?

L'uso di una VPN offre numerosi vantaggi, sebbene la tipologia scelta possa fare la differenza tra un valido strumento e una spesa superflua. Il protocollo VPN svolge un ottimo lavoro per quanto riguarda la protezione dei dati a livello di rete, tuttavia è possibile ottenere una protezione efficace per i tuoi dispositivi anche con un buon framework di sicurezza che comprenda un software anti-malware affidabile. L'implementazione e la configurazione di una VPN aziendale richiedono tempo, senza contare la manutenzione e uno specialista IT dedicato per mantenere la rete funzionante. Per il lavoro in remoto e la condivisione dei file, Dropbox è un'opzione migliore.