Rafforza il tuo sistema di backup: il percorso di un musicista verso un'attività più stabile

Sia che lavori ai suoi progetti musicali o che aiuti gli altri a dare vita ai propri, Peter Ferguson si affida sempre a Dropbox. Scopri in che modo Dropbox aiuta Peter a creare dell'ottima musica.

 

Di Peter Ferguson, musicista, produttore e direttore musicale, Peter Ferguson Productions



 

Il musicista Peter Ferguson sul palco con chitarra e microfono sotto i riflettori

Spesso i musicisti fanno tutto il necessario per portare la musica nel mondo. Ho iniziato a lavorare come chitarrista e tastierista nei tour nel 2013 e ho avuto molti alti e bassi durante il mio percorso.

Una volta ci si è bucata una gomma mentre tornavamo da un concerto nell'Iowa. Da quel momento in poi, è stata una spirale discendente e alla fine ci siamo ritrovati con i bulloni delle ruote conficcati nel tamburo dei freni che impalavano l'asse. Nonostante tutto, siamo comunque riusciti ad arrivare ad Atlanta per suonare ai concerti che erano previsti per due giorni dopo.

Un altro ricordo riguarda il mio primo concerto nella mia città, ovvero Denver, in Colorado. Suonavo per Lucie Silvas e ho avuto la possibilità di aprire per Brandi Carlile. È stata così gentile a lasciarci spazio, avendo capito quanto suonare nella mia città fosse importante per me. È stato uno dei concerti più belli a cui abbia mai suonato.

Sono stato in tutti i 50 Stati degli USA e ho suonato davanti a migliaia di persone fantastiche, ma attualmente vivo a Nashville, in Tennessee, dove lavoro come musicista, produttore e direttore musicale. Nel 2018 ho creato il mio studio domestico, che mi ha permesso di passare alla realizzazione di sessioni e alla produzione.

Il lavoro in studio è un modo completamente diverso di pensare alla musica. Il gradiente di quello che cerchi di perfezionare è molto più piccolo. Puoi osservare con la lente di ingrandimento ogni millisecondo del suono che produci, mentre quando suoni dal vivo l'obiettivo è fare un'ottima performance. Lavorare ai progetti in studio mi offre maggiore libertà creativa e mi permette di trattare i miei concerti come puri spettacoli.

Questa libertà creativa, però, comporta anche del lavoro amministrativo. Circa il 40% del tempo viene impiegato nella capacità creativa, quindi lavorando agli album o producendo sessioni, mentre il restante 60% viene dedicato alla gestione dei file, ed è qui che Dropbox mi viene in aiuto.

“Con le grandi sessioni, le cose possono complicarsi in men che non si dica. Perciò, chi ha un solido flusso di lavoro per la gestione dei file è già a metà dell'opera. Dropbox mi aiuta molto in questo”.

—Peter Ferguson, musicista, produttore e direttore musicale, Peter Ferguson Productions
Rachel Jedwood, responsabile della produzione, National Rugby League

Dropbox fa la differenza

Sia che lavori con un artista su 10-12 brani in una sessione di un'ora o con tre artisti su decine di brani in una sessione di più giorni, devi sapere sempre dove si trovano i contenuti.

Uso Dropbox da sempre, ma ho iniziato a impiegarlo nel mio lavoro quando sono diventato direttore musicale. Se un artista deve fare uno spettacolo per promuovere un album, ad esempio, posso realizzarlo in vari modi sfruttando Dropbox. A Nashville tutti usano le tabelle numeriche, che funzionano come gli spartiti musicali. Supponiamo che un artista stia reclutando musicisti per uno spettacolo, ma ha un budget limitato e non può pagarli quanto vorrebbero loro. Io posso semplificare il lavoro inviando ai musicisti un link di Dropbox, dove trovano una traccia MP3, le tabelle necessarie e magari un PDF con varie note o istruzioni. Tutto ciò che i musicisti devono fare è presentarsi con un iPad, aprire il link e sono pronti per lo show.

Mantenere tutto sotto controllo per i musicisti mi ha permesso di distinguermi come produttore. Quando lavoro con un cliente, creo una cartella Dropbox per un progetto specifico all'interno della cartella del cliente, aggiungendo magari delle sottocartelle per le singole registrazioni. All'interno della cartella principale ne ho anche una con dei promemoria vocali sui brani che piacciono o non piacciono al cliente in questione. L'aspetto migliore è che l'organizzazione si spinge fino a dove ne ho bisogno. Posso creare un'altra sottocartella con le copie di tutti i file della sessione archiviati in locale sul mio computer, in modo da renderli a prova di catastrofe. Potrei anche aggiungere un'altra sottocartella con le bozze dei remix o un grande archivio con tutti i lavori passati.

Uso sempre Dropbox per eseguire quello che chiamiamo il “test della macchina”. Non puoi mai sapere se un lavoro è buono finché non lo ascolti fuori dello studio; con Dropbox, portare la propria musica nel mondo è semplice. In macchina o mentre fai una passeggiata, puoi ascoltare i brani fuori dalla bolla dello studio. Posso continuare ad aggiungere file fino alla conclusione del progetto e tutto ciò che devo fare è creare cartelle, archiviare dati e inviare link. Questa facilità di condivisione offre una trasparenza totale ai miei clienti e talvolta ai loro fan, dato che alcuni musicisti condividono i file audio con il pubblico direttamente attraverso Dropbox.

“La democratizzazione della produzione musicale ha fatto molti passi avanti e Dropbox ha ampiamente contribuito”.

—Peter Ferguson, musicista, produttore e direttore musicale, Peter Ferguson Productions
Lo studio domestico con tastiera, amplificatori e altra strumentazione musicale

Alcuni degli aspetti che preferisco di Dropbox

Il mio pane quotidiano è Dropbox Transfer, che uso per condividere i file direttamente con i clienti anche quando non sono in studio. Posso inviare i file necessari mentre lavoro ai brani, senza dovermi preoccupare del caos che regna sul mio desktop. C'è uno spazio di archiviazione anche per questo. Registro tutte le sessioni a 96 kHz, in modo che i clienti ottengano la più alta qualità audio possibile. Salvare e condividere questi file sarebbe stato assolutamente proibitivo in passato, ma grazie a Dropbox posso scaricarli alla velocità della luce.

Rispetto ad altre piattaforme, Dropbox risulta naturale. Sia nell'aspetto che nel funzionamento, sembra un'estensione del mio computer e ciò mi permette di svolgere il mio lavoro senza interruzioni. È praticamente l'opposto di Google Drive, che invece appare sempre disordinato. Non so mai dove si trova quello che cerco e non capisco il criterio con cui organizza i file. So che posso trovare i file tramite ricerca, ma non mi piace comunque non riuscire a trovare subito ciò di cui ho bisogno. Voglio un albero di cartelle nidificate e una miniatura chiara di tutti i miei file. E questo è esattamente ciò che offre Dropbox.

Un backup efficiente risolve tutti i problemi

Per quanto ora sia organizzato, mi è capitato di perdere i file delle sessioni in passato. È una seccatura enorme, nonché un freno per il processo creativo; sarebbe bastato un backup adeguato per risolvere il problema. In un'occasione sono riuscito a ricreare la sessione dai singoli file audio, ma è stato incredibilmente dispendioso in termini di tempo. In questo caso, si trattava di un progetto personale, ma non oso immaginare cosa sarebbe successo se fosse stato il lavoro di un cliente!

Chiunque abbia perso il lavoro di un progetto importante sa che salvare copie di backup in diverse posizioni non significa peccare di eccessiva prudenza. Anzi, è necessario. Il lavoro creativo ha un valore che non può essere quantificato in denaro, soprattutto quando lo si realizza per qualcun altro. Se lo perdi, un intero team di persone deve perdere tempo a ricreare il materiale. Dropbox Backup lavora automaticamente in background, creando copie delle cartelle preselezionate nel cloud. Non devo nemmeno pensarci, fa il suo lavoro e basta.

Trovare la stabilità musicale in un'epoca dominata dalla tecnologia

Dropbox continua a evolversi in maniera intuitiva. Il supporto di funzionalità migliori e più efficaci è impareggiabile e, da imprenditore, non mi sono mai sentito solo. Dropbox è l'unico sistema di gestione dei file in circolazione? No. È il mio preferito? Ci puoi scommettere.

Dropbox ti segue man mano che cresci, rimanendo sempre un'ottima risorsa. C'è una lunga strada davanti a me, ma ce n'è tanta anche alle mie spalle. Ovunque mi conduca il mio percorso musicale, ci sarà sempre posto per Dropbox.