Identità ben definite: creare il proprio brand con Dropbox e Shutterstock

Cosa fare e non fare quando si sviluppa l'identità del proprio brand. 

Uomo seduto alla scrivania mentre guarda alcuni campioni colore

Conosci il tuo brand. Puoi percepirlo. Ma come la maggior parte delle organizzazioni, fatichi a trasmetterlo. Magari è un'idea condivisa e riconosciuta da tutti all'interno dell'azienda, ma al momento di doverla trasmettere all'esterno, è necessario disporre anche di una chiara identità visiva.

Come si assegnano i colori a un pensiero o le immagini a un'idea? Come si crea un'identità del brand autentica, efficace, utilizzabile e gestibile per i tuoi team, che funga da punto di contatto per il tuo pubblico?

Si ricorre al team di progettazione interno o a esperti esterni e si seguono cinque semplici principi, con l'aiuto di Dropbox e Shutterstock.

1. Essere fedeli a se stessi.

L'identità—la personalità—del tuo brand non è solo ciò che dice un designer. È ciò che sei in realtà. È il motivo per cui fai quello che fai, perché lo fai nel modo in cui lo fai e come ci si sente a farlo nell'ambito della tua organizzazione.

In breve: la tua identità visiva non può riflettere il pensiero di una terza parte. Il tuo logo non deve essere semplicemente "cool" perché qualcuno dello studio di design pensa che possa funzionare. L'aspetto, il logo, la tavolozza colori, i modelli email—tutto—deve essere autentico, vivo: la personificazione del tuo brand. Deve rappresentare in toto la tua verità.

In caso contrario, mentiresti ai tuoi clienti.

2. Provare a essere pratici, anche se non sembra normale.

Quindi, una volta detto quanto sia fondamentale ottenere il giusto risultato, dovrai comunque affrontare l'identità visiva del brand in modo realistico. (Per quanto possa sembrare noioso.)

Probabilmente non hai a disposizione 80 milioni di euro e tempo illimitato. Quindi, mentre crei il nuovo aspetto del tuo brand, assicurati che l'implementazione non richieda centinaia o anche solo decine di risultati finali (maggiori informazioni in seguito) e che l'esecuzione dell'idea non sia legata a concetti dispendiosi in termini di tempo e difficili da realizzare.

L'identità dell'organizzazione deve essere facile da realizzare e ancora più facile da mantenere.

3. Non è una magia.

È un'identità del brand, non la Gioconda. È importante? Sì. Monumentale? No.

Quindi non organizzare un mega evento di presentazione. Non spremere il tuo team, non dedicare troppo tempo, talenti e risorse a un'implementazione costosa che riscuota solo qualche sorriso educato e una miriade di occhi al cielo. Sì, all'azienda e ai colleghi interessa l'aspetto del brand, ma per loro si tratta di una parte del lavoro.

Quindi, mostra loro il suo significato e come usarlo, ma non esagerare con la retorica e i ragionamenti.

4. Niente è inciso nella pietra.

Facile: parliamo dell'identità del brand, non della roccia su cui è stata fondata l'azienda. Rendila flessibile. Rendila adattabile. E se qualcosa non funziona, correggi e vai avanti.

5. Mantenere tutto organizzato.

OK, fin qui era la parte facile. Hai sviluppato un'identità che rispecchia il tuo brand, non hai esagerato, non hai sfruttato risorse eccessive e ti sei assicurato che sia abbastanza flessibile da cambiare insieme all'azienda.

E ora?

Ora passerai dal creare l'identità al renderla viva, per gestirla e mantenerla a lungo termine nel modo più efficiente possibile. Ciò significa mantenere tutte le risorse visive organizzate in un unico punto centralizzato, facile da individuare e visualizzare e a cui poter accedere agilmente, in modo che ogni dipendente della tua organizzazione possa assicurarsi che l'identità sia sempre attiva.

L'integrazione tra Dropbox e Shutterstock semplifica questo aspetto per i team agevolando l'individuazione dei contenuti giusti. Ora possono trovare e condividere rapidamente le immagini Shutterstock direttamente da Dropbox, velocizzando l'organizzazione, la collaborazione e l'esecuzione del lavoro creativo, evitando di perdere tempo cercando immagini, PDF o file. Con Dropbox e Shutterstock (e Canva, Adobe, Pixlr e molte altre integrazioni Dropbox), i team dedicano meno tempo alla ricerca delle immagini giuste e più tempo alla collaborazione. Trascorrono meno tempo a passare da una piattaforma all'altra e più tempo a lavorare al meglio.

File e cartelle organizzati e centralizzati per le tue risorse visive e di altro tipo ti aiutano a mantenere il controllo e ti preparano per qualsiasi evenienza. Se il marketing ha bisogno di diffondere rapidamente un messaggio o le risorse umane devono aumentare le assunzioni in Nevada la prossima settimana, tutti gli strumenti e i modelli si troveranno in un'unica posizione.

Foto di una bambina in spiaggia visualizzata come anteprima Dropbox con i dettagli dell'immagine nella barra laterale destra

Questo vale anche per le agenzie di creatività e le società di marketing.

I designer si occupano di queste cose tutti i giorni: non è solo una questione di creare identità aziendali dall'aspetto "accattivante". La parte più complessa risiede nella collaborazione tra agenzie e clienti, per assicurarsi che i primi ascoltino davvero le esigenze degli ultimi.

Dropbox e Shutterstock favoriscono questa collaborazione creando un luogo semplice e organizzato per tutti gli elementi visivi e del tuo brand, in cui le agenzie e i clienti possono lavorare al meglio.

È tutta una questione di produttività, a prescindere dal colore del logo o dallo stile del carattere. Si tratta di assicurarsi che l'identità funzioni e che sia facile da gestire in futuro.

Scopri di più sull'integrazione di Shutterstock e Dropbox.

Condividi facilmente il tuo lavoro e ricevi feedback più utili

Inizia a usare Dropbox Pro